Pasta fatta in casa: il piatto della domenica e dei giorni di festa (RICETTA)

Il blog che racconta il Salento, i suoi fantastici luoghi, le tradizioni e gli eventi!

Pasta fatta in casa: il piatto della domenica e dei giorni di festa (RICETTA)

pasta fatta in casa salento

Superata l’Immacolata (il giorno “te la prima pittulata“), siamo ormai in pieno clima natalizio. Tra le tante prelibatezze made in Salento, vogliamo deliziarvi con una ricetta che vale tutto l’anno, soprattutto la domenica e i giorni di festa: la pasta fatta in casa. Scopriamola insieme!

Orecchiette e minchiareddhi, ma anche tria e sagne ‘ncannulate figurano in bella mostra sulle tavole salentine la domenica mattina. Eh sì, perché quando è festa te ne accorgi dal pranzo e dal profumo buono.

Ma perché la pasta fresca è così importante per noi salentini? Cos’ha di speciale una pasta rustica, composta da un misto di farine neppure così pregiate?

Beh, chi l’ha assaggiata sa bene come rispondere a queste domande. Non è solo il sapore, nettamente superiore rispetto a un triste pacco da 500 grammi acquistato al supermercato, ma c’è molto di più.

C’è il ricordo di un’infanzia forse lontana, di una sveglia la domenica mattina con tutta la casa invasa dal profumo di sugo fresco e basilico. C’è la nonna che con la cuffietta in testa e il suo ferretto creava i minchiareddhi e con le dita piccole e tozze girava velocemente le orecchiette e le riponeva sul suo fedele banco di legno, ricoprendole con uno straccio umido. Sempre lo stesso straccio, di quelli che hanno tutte le nonne: bianco a quadri (rossi, blu, verdi…).

C’erano i cartoni in tv, c’erano i parenti a casa e c’erano pochi pensieri. Quelli che c’erano, erano felici. C’era la ricotta forte e il peperoncino, e c’erano le paste e i dolcetti. A Natale, invece, c’erano noci, noccioline e mandarini, da mangiare a fine pasto vicino al fuoco.

Ecco cosa significa pasta fatta in casa nel Salento. Molto più di un semplice piatto da gustare.

Ricetta della pasta fresca fatta in casa (foto di Francesca Panese. Per visionare il suo profilo Instagram, clicca qui ).

pasta fatta in casa

Ingredienti:

250gr di farina di grano duro;

150gr di farina di germe di grano;

acqua q.b.;

sale q.b..

pasta fatta in casa

Preparazione:

Mescolare bene i due tipi di farina utilizzati e impastare con acqua fredda e un pizzico di sale. Lavorare bene l’impasto, cercando di non renderlo troppo umido, né troppo secco.

pasta fatta in casa

Quando l’impasto è omogeneo (ma non appiccicoso), lavorarlo fino a creare una palla liscia.

Dividere l’impasto in due parti.

Per preparare i minchiareddhi, servirsi di un ferro per la pasta; creare dei piccoli salsicciotti e sfregarli con il ferro nel palmo della mano per creare dei maccheroncini stretti e lunghi.

pasta fatta in casa

Per le orecchiette, invece, tagliare dei piccoli cubetti di circa un centimetro.

pasta fatta in casa

Lavorare ogni cubetto con la punta di un coltello, trascinandolo sul tavolo in modo da ottenere una piccola conchiglia. Rigirare la conchiglia con il pollice e il gioco è fatto. Ecco a voi orecchiette e minchiareddhi fatti in casa.

Buon appetito e Dio benedica il Salento!

 

Condividi:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial